Dubbi su criteri di differenziazione di alcuni rifiuti

Proviamo a migliorare insieme, imparando ad amare la nostra città e a rispettare i nostri concittadini.

Moderatore: Claudio

Avatar utente
erodoto
Utente Verificato
Messaggi: 539
Iscritto il: lunedì 12 maggio 2008, 12:01
Località: Oria

Dubbi su criteri di differenziazione di alcuni rifiuti

Messaggio da erodoto »

A proposito della importante neonata raccolta differenziata, mi pare che ci siano degli aspetti poco chiari, o che almeno a me sono sfuggiti, inerenti i criteri di separazione di alcuni rifiuti.
Ad esempio, per quale motivo i bicchieri o piatti di plastica che pure riportano il logo di prodotto riciclabile non possono essere smaltiti con il resto della plastica; forse perché sporchi? Tuttavia I contenitori in plastica o alluminio vanno nelle buste gialle e certo è che uno non li lava prima di gettarli via! Poi, se non ricordo male, i tovaglioli/fazzoletti di carta secondo l'opuscolo in dotazione dovrebbero essere smaltiti con l'umido, mentre sul prontuario giornaliero dice che vanno nella frazione non riciclabile. E gli involucri di plastica trasparente di merendine e simili, sono assimilati alla plastica da riciclare? Penso che su questi argomenti il comune debba fare chiarezza e informare a tamburo battente la popolazione senza sosta, almeno finchè il sistema di raccolta non supera la fase di rodaggio. Purtroppo, a fronte di gente entusiasta di questo nuovo sistema civile di affrontrare il problema dei rifiuti, ho constatato che ce n'è un bel po' che, magari per ignoranza, affronta il problema con sufficienza e che di fronte ai dubbi se ne frega di differenziare correttamente. Pertanto inviterei chi di competenza a non abbassare la guardia e a continuare l'opera di informazione (e persuasione ;) )
Pino Danese - Oria

Avatar utente
Claudio
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 4336
Iscritto il: mercoledì 2 aprile 2008, 17:55
Località: Oria
Contatta:

Re: Dubbi su criteri di differenziazione di alcuni rifiuti

Messaggio da Claudio »

I fazzoletti sporchi andrebbero nell'indifferenziato, però si possono anche mettere nell'umido per ragioni di ordine pratico.

Riguardo ai piatti e bicchieri di plastica anch'io mi chiedevo perché non si devono mettere con la plastica, ho pensato a varie motivazioni, tra cui anche il fatto che con piatti odoranti di cibo i cani strapperebbero le buste.

Avatar utente
erodoto
Utente Verificato
Messaggi: 539
Iscritto il: lunedì 12 maggio 2008, 12:01
Località: Oria

Re: Dubbi su criteri di differenziazione di alcuni rifiuti

Messaggio da erodoto »

Claudio ha scritto:I fazzoletti sporchi andrebbero nell'indifferenziato, però si possono anche mettere nell'umido per ragioni di ordine pratico.

Riguardo ai piatti e bicchieri di plastica anch'io mi chiedevo perché non si devono mettere con la plastica, ho pensato a varie motivazioni, tra cui anche il fatto che con piatti odoranti di cibo i cani strapperebbero le buste.
Già, però si parla esplicitamente della possibilità di poter gettare tra plastica e metallo anche i contenitori di cibo per gli animali che in quanto ad "odore" (si fa per dire :mrgreen: ) non li batte nessuno...

Boh, c'è qualcosa che non quadra...
Pino Danese - Oria

Avatar utente
Rita Labbro Francia
Utente Verificato
Messaggi: 579
Iscritto il: mercoledì 23 luglio 2008, 18:42
Contatta:

Re: Dubbi su criteri di differenziazione di alcuni rifiuti

Messaggio da Rita Labbro Francia »

concordo con quanto dice erodoto. anch'io mi sono posta le stesse domande ma ancor non ho ricevuto risposte e chiarimenti in merito. ho, tra l'altro, segnalato a rappresentanti istituzionali (assessori e consiglieri comunali) il problema relativo alla frazione non riciclabile che prevede il conferimento di diversi rifiuti inevitabilmente maleodoranti e che è assurdo pretendere che le persone tengano in casa per una settimana. ho sottolineato, pertanto, che se vogliono la collaborazione dei cittadini (pretesa certo legittima) devono però metterli in condizioni di collaborare. ho quindi suggerito un incremento del ritiro della frazione non riciclabile ad esempio negli stessi giorni in cui viene raccolto l'umido. mi sembrava una soluzione un po' più ragionevole. i miei interlocutori mi hanno dato ragione e mi hanno assicurato che avrebbero provveduto a segnalare il problema ed a cercare di risolverlo. staremo a vedere.

Avatar utente
erodoto
Utente Verificato
Messaggi: 539
Iscritto il: lunedì 12 maggio 2008, 12:01
Località: Oria

Re: Dubbi su criteri di differenziazione di alcuni rifiuti

Messaggio da erodoto »

Rita Labbro Francia ha scritto:concordo con quanto dice erodoto. anch'io mi sono posta le stesse domande ma ancor non ho ricevuto risposte e chiarimenti in merito. ho, tra l'altro, segnalato a rappresentanti istituzionali (assessori e consiglieri comunali) il problema relativo alla frazione non riciclabile che prevede il conferimento di diversi rifiuti inevitabilmente maleodoranti e che è assurdo pretendere che le persone tengano in casa per una settimana. ho sottolineato, pertanto, che se vogliono la collaborazione dei cittadini (pretesa certo legittima) devono però metterli in condizioni di collaborare. ho quindi suggerito un incremento del ritiro della frazione non riciclabile ad esempio negli stessi giorni in cui viene raccolto l'umido. mi sembrava una soluzione un po' più ragionevole. i miei interlocutori mi hanno dato ragione e mi hanno assicurato che avrebbero provveduto a segnalare il problema ed a cercare di risolverlo. staremo a vedere.
Ben fatto Rita!

In questa fase vengono un sacco di dubbi, Ieri sera, ad esempio, avevo una biro da gettare e mi sono chiesto se potesse andare nella busta gialla, visto che è fatta di plastica con la punta metallica...ma il residuo d'inchiostro? Di certo quello non è richiclabile, ma, magari trattandosi di una penna esaurita può essere trascurabile.... boh!
Pino Danese - Oria

TeoSheva
Sandro Piccinini del sito
Sandro Piccinini del sito
Messaggi: 3644
Iscritto il: lunedì 7 aprile 2008, 17:24
Località: Zurigo

Re: Dubbi su criteri di differenziazione di alcuni rifiuti

Messaggio da TeoSheva »

erodoto ha scritto: avevo una biro da gettare e mi sono chiesto se potesse andare nella busta gialla, visto che è fatta di plastica con la punta metallica...ma il residuo d'inchiostro? Di certo quello non è richiclabile, ma, magari trattandosi di una penna esaurita può essere trascurabile.... boh!
avresti dovuto smontarla in pezzi :)
NOI REALIZZIAMO I VOSTRI SOGNI

Avatar utente
Paola
Oritano Saggio
Messaggi: 2177
Iscritto il: sabato 5 aprile 2008, 18:45
Località: Firenze - Oria

Re: Dubbi su criteri di differenziazione di alcuni rifiuti

Messaggio da Paola »

Allora vi chiarisco una cosa sul fatto dei bicchieri e dei piatti di plastica...sul volantino che vi hanno dato non hanno specificato una cosa impotrantissima. Voi avete le immagini, se non sbaglio, dei piatti e dei bicchieri che si possono sia riciclare e non...sapere in quale contenitore metterlo?semplice!nella busta di plastica dove ci sono bicchieri e piatti, dietro, deve esserci un'immagine di un omino che butta un oggetto nel cestino oppure due frecce che si incrociano bianche e nere...quello significa che i bicchieri, le posate, i piatti ecc.. di plastica possono essere riciclati. Se invece dietro la confezione non c'è nessun simbolo che vi permette di riciclare l'oggetto, questi non possono essere riciclati, quindi vanno nel contenitore grigio vero? e vi tolgo subito il dubbio del perchè non si possono riciclare...perchè nella produzione degli oggetti di plastica viene usato il POLIETILENE e viene indicato con la sigla PE che è una resina usata in più o meno in tutti gli oggetti fatti in plastica, eccezione quelli che si possono riciclare con il simbolo che vi ho spiegato sopra e questa resina ahimè non può essere riciclata...ecco perchè ci sono ad entrambi i contenitori.

Un'altra cosa importante che ho letto e sentito dire...se i piatti sono sporchi non significa che non possono essere differenziati, perchè nel ciclo del riciclaggio i rifiuti vengono diciamo "lavati" nei vari stabilimenti; ciò non significa che ci possiamo mettere anche residui di cibo (perchè quelli vanno nell'organico o rifiuti umidi!), quindi miglior cosa da fare è questa: se abbiamo mangiato un piatto di pasta con il sugo e il piatto si può riciclare, sciacquare il piatto (non dico lavarlo perfettamente ma metterlo sotto l'acqua per poco tempo) e poi differenziarlo nei contenitori appositi!

PS girovagando per internet ho trovato una cosa curiosa, che a una fiera di Rimini (aziendainfiera) stava un'azienda (e penso che non era l'unica) che ha creato svariati tipi di campane, guardate un pò: http://www.aziendainfiera.it/ecomondo/sinterplast


" Dal 1988 Sinterplast produce manufatti in polietilene riciclabile con la tecnica dello stampaggio rotazionale. Una tecnica “pulita” ed ecologica, perché non ricorre all’uso di solventi chimici o altri agenti inquinanti, ed efficace, perché permette di realizzare prodotti di grandi dimensioni in un unico pezzo, senza giunzioni né saldature.

La tecnologia dello stampaggio a rotazione consente la trasformazione del polietilene - o di altre resine termoplastiche - sfruttando l’azione del calore senza ricorrere all’utilizzo di pressione.

La capacità e la completezza del ciclo produttivo di Sinterplast - che comprende la progettazione dei prodotti come un tutt’uno tra parti plastiche e strutture metalliche, la realizzazione degli stampi e delle attrezzature specifiche e la produzione con quattro moderne linee di stampaggio rotazionale indipendenti - assicurano flessibilità e affidabilità nelle consegne."

http://www.sinterplast.com/
Scusi! Bappe di boopy? - Che cosa? - Bappe di boopy?Beepy di boopy di babay di babay di! (Peter Griffin speaking italian)

Avatar utente
erodoto
Utente Verificato
Messaggi: 539
Iscritto il: lunedì 12 maggio 2008, 12:01
Località: Oria

Re: Dubbi su criteri di differenziazione di alcuni rifiuti

Messaggio da erodoto »

Paola ha scritto:... vi tolgo subito il dubbio del perchè non si possono riciclare...perchè nella produzione degli oggetti di plastica viene usato il POLIETILENE e viene indicato con la sigla PE che è una resina usata in più o meno in tutti gli oggetti fatti in plastica, eccezione quelli che si possono riciclare con il simbolo che vi ho spiegato sopra e questa resina ahimè non può essere riciclata...ecco perchè ci sono ad entrambi i contenitori.

...


:S :S :S Scusa Paola, ma con la frase sopra mi hai fatto venire il mal di testa :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:
Pino Danese - Oria

Avatar utente
erodoto
Utente Verificato
Messaggi: 539
Iscritto il: lunedì 12 maggio 2008, 12:01
Località: Oria

Re: Dubbi su criteri di differenziazione di alcuni rifiuti

Messaggio da erodoto »

Comunque, ritornando seri... dato che non mi sembra di aver mai visto bicchieri o piatti di plastica senza il simbolo che identifica i prodotti riciclabili, mi pare assurdo dire che non possano essere riciclati.
Pino Danese - Oria

Avatar utente
Paola
Oritano Saggio
Messaggi: 2177
Iscritto il: sabato 5 aprile 2008, 18:45
Località: Firenze - Oria

Re: Dubbi su criteri di differenziazione di alcuni rifiuti

Messaggio da Paola »

erodoto ha scritto:Comunque, ritornando seri... dato che non mi sembra di aver mai visto bicchieri o piatti di plastica senza il simbolo che identifica i prodotti riciclabili, mi pare assurdo dire che non possano essere riciclati.
E invece è proprio così...non è assurdo è purtroppo vero che quasi tutti i bicchieri e i piatti di plastica non si possono riciclare! salvo eccezione qualche marca...

Ah comunque il Legno va nel non differenziato...mi è venuto in mente e lo scrivo :P
Scusi! Bappe di boopy? - Che cosa? - Bappe di boopy?Beepy di boopy di babay di babay di! (Peter Griffin speaking italian)

Rispondi

Torna a “Educazione Civica - L' Oritano Perfetto”