Una multa costa molto di più dell’ICI

Notizie riguardanti la città più vicina ad Oria. Oria e Francavilla Fontana, due città contrapposte da sane rivalità, ma legate da tradizioni e storia.

Moderatore: Claudio

Rispondi
cyberc
Oritano Super
Messaggi: 727
Iscritto il: sabato 12 aprile 2008, 19:10

Una multa costa molto di più dell’ICI

Messaggio da cyberc »

brundisium.net

Francavilla F.na, 15/10/2008

Saponaro (RC): "Una multa costa molto di più dell’ICI"

Le politiche demagogiche del governo Berlusconi iniziano a fare effetto. E’ una notizia fresca, infatti, quella dell’adozione da parte della polizia municipale dei telelaser.

Vien da pensare che i nostri vigili si stiano preparando ad una nuova puntata di Star Wars. Oppure si potrebbe immaginare che si tratti della nascita di un nuovo canale televisivo locale. Ma così non è. Infatti il tele laser è l’ultimo modello di autovelox. Uno strumento avanzatissimo, a detta degli esperti, che servirà a rilevare la velocità per le strade del paese così come fanno i “tanto amati” fratelli che vengono usati in superstrada o in autostrada.
La motivazione che ha spinto il Comando dei Vigili pare sia stata la “crescita di incidenti, alcuni anche gravi, che si sono verificati nel centro abitato così come nelle periferie della città”, pertanto gli automobilisti vengono invitati al rispetto delle norme del Codice della strada soprattutto perché “la vita umana è il bene più prezioso ed è dovere di tutti tutelarla”. Noi, da buoni scettici, pensiamo che le motivazioni siano ben altre. Non che al comune non stiano a cuore le vite di molti compaesani e non, per carità! Tuttavia la scusa della prevenzione non convince.

Infatti come non pensare che, in seguito al taglio dell’ICI da parte dell’esecutivo nazionale, il comune non abbia bisogno di soldi per farvi fronte? Come non pensare che un comune in grave dissesto finanziario come Francavilla (Brindisi) non pensi di “investire” in autovelox? La storia recente ci dice che è una forma di investimento che funziona!
Francavilla, infatti, è stata una delle prime città ad usare gli odiati Photored che fotografavano chi passava col rosso, di recente tolti perché non leciti e tutti ricordano lo scandalo sull’appalto e la gestione dei macchinari. E i guadagni per le assetate casse comunali erano ingenti. Altro che swap!

Così si cerca di rimediare con le multe che, paragonabili a delle tasse indirette, gravano più sulle spalle dei poveri cristi che sulla via per Grottaglie vanno a 60 Km/h mentre il limite è di 40!
Come se non bastasse, sempre per far fronte a debiti e tagli vari, il comune riduce al minimo le uscite per i servizi con risvolti sociali ed umani inevitabilmente drammatici. Infatti, è ormai insostenibile la situazione che vede protagonista l’asilo di via Cesare Battisti. Qui la gestione aziendale e privatistica della cosa pubblica ha creato seri danni. Il problema principale, nella fattispecie dell’asilo, riguarda il personale, o meglio il suo taglio nonostante la crescita degli iscritti.
Naturalmente, Gelmini docet, dove cala il numero del personale deve diminuire anche il numero di ore “offerte” dal servizio. Allo stato attuale queste ammontano a cinque al giorno per un servizio che ne prevede 8 o 9. Questo causa non pochi problemi ai genitori che spesso lavorano e, nelle ore pomeridiane, non sanno a chi affidare i propri figli. Come spesso capita, inoltre, al danno si somma la beffa. Infatti, a fronte di un servizio inferiore, le retta da pagare è rimasta invariata, 220 euro al mese.

Il comune, attraverso il dirigente dell’ufficio Servizi Sociali Giuseppe Rizzo, dinanzi alle vibrate proteste delle mamme dei bambini non può fare nulla avendo sforato il temutissimo “Patto di stabilità”.
Infatti, un comune normale (figuriamoci uno con i creditori alle calcagna!) è bloccato nel proprio agire. Nel momento in cui non arrivano i soldi che il governo Berlusconi, in modo demagogico e populista, ha scippato ai comuni la situazione standard che si profila è questa. Con l’aggravante che a rimetterci sono sempre gli stessi e che una multa costa molto di più dell’ICI.

ENRICO SAPONARO
Rifondazione comunista e giovani comunisti francavilla fontana


Quindi stiamo attenti alla strada per Grottaglie!!
Il vigliacco muore più volte al giorno, il coraggioso una volta sola (Giovanni Falcone)
Il vero potere risiede nelle mani dei detentori dei mass media (Licio Gelli)

TeoSheva
Sandro Piccinini del sito
Sandro Piccinini del sito
Messaggi: 3644
Iscritto il: lunedì 7 aprile 2008, 17:24
Località: Zurigo

Re: Una multa costa molto di più dell’ICI

Messaggio da TeoSheva »

c'e' una bella differenza tra ICI e multe: la prima la dovevano pagare tutti per la sola "colpa" di avere una casa, le seconde le pagano SOLO chi sbaglia... anche questa e' meritocrazia!
NOI REALIZZIAMO I VOSTRI SOGNI

Avatar utente
erodoto
Utente Verificato
Messaggi: 539
Iscritto il: lunedì 12 maggio 2008, 12:01
Località: Oria

Re: Una multa costa molto di più dell’ICI

Messaggio da erodoto »

È il colmo, attribuire anche le "malefatte" (perché tali le classifico) degli agguati con i telelaser e affini, al governo! Giuro che direi la stessa cosa anche le parti di governo fossero invertite. Tuttavia è caratteristica tipica di certa parte politica (dai tempi di Trozky tanto per fare un esempio ;) ) demonizzare l'avversario attribuendogli tutti i crimini possibili.

Rimane invece la triste realtà della deprecabile abitudine dei comuni di fare cassa mediante lo strumento degli autovelox o telelaser (micidiali!) ridotti a mezzi vessatori anziché di prevenzione. Fateci caso, dov'è che li piazzano normalmente? Nei tratti dove ci sono limiti difficili da mantenere (50 o peggio 30 km/h su strade extraurbane, 70 Km/h su superstrade dove spesso già i 90 sono esageratamente pochi) e di contro quasi mai in zone a rischio dove ne sarebbe invece auspicabile la presenza continua e certa al fine di limitare al massimo i rischi di incidente. Ad esempio ad Oria hanno fatto sfaceli, specie con gente di fuori che non sapeva, installando l'autovelox all'inizio della circonvallazione (nei pressi del distributore API), su un tratto rettilineo nel quale certo ci vuole prudenza per gli incroci a raso ma dove i 50 dovrebbero essere più realisticamente 70 km/h, mentre si sa che il punto più pericoloso è sul tratto in discesa, sia per gli incroci, sia per la curva in fondo la quale oltre che stretta ha un raggio assurdo.

Senza contare poi le trappole che un po' dovunque vengono tese nascondendo le apparecchiature o usando macchine civetta con lo strumento all'interno che spesso provocano situazioni di pericolo. Alcuni anni fa sulla superstrada per Brindisi, quando era in corso di costruzione il raddoppio della carreggiata, ho evitato di un soffio un tamponamento a catena innescato da una frenata "da panico" di un'auto che mi precedeva...il limite era stato repentinamente abbassato da 70 a 30 km con la scusa del cantiere (vuoto) dall'altra parte della carreggiata e il diabolico strumento era lì a pochi metri pronto a "fare i suo dovere"......
Pino Danese - Oria

Avatar utente
Rita Labbro Francia
Utente Verificato
Messaggi: 579
Iscritto il: mercoledì 23 luglio 2008, 18:42
Contatta:

Re: Una multa costa molto di più dell’ICI

Messaggio da Rita Labbro Francia »

ahh, quante ne potrei raccontare a proposito di autovelox e multe varie. per quanto riguarda il telelaser, poi, non so se gli apparecchi del Comune di Francavilla F. siano di un tipo nuovo e quindi diversi ma mi preme segnalare agli interessati (tutti gli utenti della strada) che i modelli di telelaser, fino ad ora utilizzati, presentano una grave carenza. Lo scontrino emesso che segnala la velocità del mezzo, inftti, non dà alcuna indicazione certa sulla identificazione del veicolo. Traete voi le conseguenze. Tanto per essere chiari... molti Giudice di Pace accolgono i ricorsi contro le multe da telelaser proprio per questo motivo.

Rispondi

Torna a “Francavilla Fontana”