Schiaffo all'Italia, Vieira restituisce la Coppa del Mondo

Tifosi di tutte le squadre, ecco dove illustrare le vostre teorie da CT
Rispondi
Avatar utente
Pier D.
Moderatore del Pozzo
Moderatore del Pozzo
Messaggi: 1009
Iscritto il: sabato 2 agosto 2008, 16:33
Località: Dall'Alpi alle Piramidi, dal Manzanarre al Reno...
Contatta:

Schiaffo all'Italia, Vieira restituisce la Coppa del Mondo

Messaggio da Pier D. »

Abete s'infuria: esigo spiegazioni - Di mezzo c'è sempre la Francia

Passano gli anni, non le abitudini. Il Mondiale che finì nel segno della discordia con i francesi ricomincia da uno sgarbo: giovedì sera all’Orlando Stadium di Johannesburg è stato un francese, Patrick Vieira, e non un italiano a consegnare in mondovisione la Coppa al Sudafrica. Come se a Berlino l’avesse alzata Zidane e non Cannavaro. Se persino un campione di prudenza democristiana com’è Giancarlo Abete si è spinto a definirla una «gaffe» e a ipotizzare una protesta ufficiale alla Fifa vuole dire che la questione è molto seria e si sta sfiorando l’incidente diplomatico.

La Francia e la Fifa. Due entità inclini a snobbare l’Italia del pallone. Joseph Blatter, il capo dell’organismo che governa il calcio internazionale, è lo stesso che 4 anni fa non scese in campo per consegnare la Coppa agli azzurri, rompendo una tradizione quasi secolare: formalmente la decisione era stata presa prima di sapere chi avrebbe vinto, in realtà Blatter non voleva correre il rischio di premiare gli atleti di una Federazione coinvolta in Calciopoli. La consegna formale della Coppa avvenne molto più tardi, a Coverciano, che è come allestire un’incoronazione in uno scantinato. Giovedì è stato il nuovo e potente segretario generale della Fifa, Jerome Valcke, a peccare di considerazione. Nell’impianto degli Orlando Pirates era stato allestito il concerto con Shakira e altre «vedettes» nel quale era previsto che qualcuno alzasse la Coppa e la esibisse al Sudafrica. Sul palco, oltre a Danny Jordaan, capo del comitato organizzatore, c’era Valcke. «Da francese chiamo un francese a consegnarla» ha detto il segretario generale e ha presentato Vieira. L’intenzione era di spettacolarizzare l’evento con un campione conosciuto dai sudafricani e dai telespettatori di mezzo mondo. Il problema è che Vieira, come direbbe Di Pietro, non ci azzeccava un bel nulla.

Perché non chiamare un italiano? Perché non ce n’erano. «Non ci hanno mandato un invito né ci hanno comunicato che non si trattava di fare semplice presenza a un concerto - ha detto Abete -. Se ci avessero detto che c’era da consegnare la Coppa, qualcuno di noi si sarebbe presentato nonostante le difficoltà create dalla distanza, dal traffico e dal fatto che sarebbe stato un fuori programma in contrasto con le esigenze della preparazione». In verità un invito informale era arrivato attraverso l’uomo assunto da Carraro per curare i rapporti con la Fifa e con la Uefa, Sergio Di Cesare. Un invito a voce, come si fa per una bicchierata tra amici. «Senza specificare - rincara Abete - che c’era qualcosa di più di un bel concerto». Almeno così assicura Di Cesare, «ministro degli esteri» sfortunato visto che le «gaffes» contro l’Italia si ripetono e il peso internazionale della Federcalcio si misura dalle due trombature per l’organizzazione degli Europei.

La Fifa in serata ha smentito la versione dell’informalità: «Avevamo regolarmente invitato un membro della Federazione italiana e ci hanno detto che non poteva venire». «Pirlo - ammette Abete - era pronto ad andarci perché a causa dell’infortunio era libero dagli allenamenti. Poi ha dovuto sottoporsi alla risonanza magnetica in ospedale e ha rinunciato». Insomma un gran pasticcio. Ora la Federcalcio pretende spiegazioni. «Chiediamo un chiarimento per questa gaffe - dice Abete - e se non lo riceveremo scriveremo una lettera perché queste cose restino agli atti». Sarà importante sapere a chi affidarla perché non si perda nel viaggio e non si crei un altro disguido «sul versante comunicazionale».

MARCO ANSALDO
“Il primo ateo fu un uomo che aveva celato un delitto agli altri uomini e che cercava, negando Dio, di liberarsi dell’unico testimone a cui non poteva celarlo” - Giuseppe Mazzini
http://www.ilpozzoelarancio.it - http://www.lanuovacampana.it

Avatar utente
Gabriele
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 4220
Iscritto il: mercoledì 9 aprile 2008, 13:38
Località: Oria-Lecce
Contatta:

Re: Schiaffo all'Italia, Vieira restituisce la Coppa del Mondo

Messaggio da Gabriele »

è una vergogna! mentre vedevo la cerimonia mi domandavo il perchè....alla FIFA non va giù il fatto che la mediocre italia nel 2006 ha portato a casa la coppa!
[MilitesFridericiII.it] - Compagnia d'Arme Milites Friderici II rievocazioni e spettacoli medievali
Solo una squadra c'è....grande la JUVE alè!!!

Avatar utente
Claudio
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 4336
Iscritto il: mercoledì 2 aprile 2008, 17:55
Località: Oria
Contatta:

Re: Schiaffo all'Italia, Vieira restituisce la Coppa del Mondo

Messaggio da Claudio »

Che schifo, lo sport è sempre più vicino alla politica. Intrighi, imbrogli, doping, corruzione, ecc...

E' per questo che da anni ormai lo seguo giusto quando non ho niente di meglio da fare.

Avatar utente
Pier D.
Moderatore del Pozzo
Moderatore del Pozzo
Messaggi: 1009
Iscritto il: sabato 2 agosto 2008, 16:33
Località: Dall'Alpi alle Piramidi, dal Manzanarre al Reno...
Contatta:

Re: Schiaffo all'Italia, Vieira restituisce la Coppa del Mondo

Messaggio da Pier D. »

Questa ennesima fiacchezza compiuta nei confronti della nostra Nazione andrebbe adeguatamente sbattuta in faccia ai responsabili con metodi aspri. Credo infatti che ciò avviene perchè non c'è nessun italiano nei quadri di comando della FIFA.
“Il primo ateo fu un uomo che aveva celato un delitto agli altri uomini e che cercava, negando Dio, di liberarsi dell’unico testimone a cui non poteva celarlo” - Giuseppe Mazzini
http://www.ilpozzoelarancio.it - http://www.lanuovacampana.it

Avatar utente
Gabriele
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 4220
Iscritto il: mercoledì 9 aprile 2008, 13:38
Località: Oria-Lecce
Contatta:

Re: Schiaffo all'Italia, Vieira restituisce la Coppa del Mondo

Messaggio da Gabriele »

presidente della fifa Blatter (Germania), pres. dell uefa Platinì (Francia)....credo sia sufficiente come risposta! :P :P ....qual è la traduzione in italiano del termine dialettale BRUSCHONI??!!
[MilitesFridericiII.it] - Compagnia d'Arme Milites Friderici II rievocazioni e spettacoli medievali
Solo una squadra c'è....grande la JUVE alè!!!

Avatar utente
Pier D.
Moderatore del Pozzo
Moderatore del Pozzo
Messaggi: 1009
Iscritto il: sabato 2 agosto 2008, 16:33
Località: Dall'Alpi alle Piramidi, dal Manzanarre al Reno...
Contatta:

Re: Schiaffo all'Italia, Vieira restituisce la Coppa del Mondo

Messaggio da Pier D. »

Gabriele ha scritto:qual è la traduzione in italiano del termine dialettale BRUSCHONI??!!
:D :D :D :D :D
“Il primo ateo fu un uomo che aveva celato un delitto agli altri uomini e che cercava, negando Dio, di liberarsi dell’unico testimone a cui non poteva celarlo” - Giuseppe Mazzini
http://www.ilpozzoelarancio.it - http://www.lanuovacampana.it

Avatar utente
job1983
Arsenio Lupin
Arsenio Lupin
Messaggi: 3769
Iscritto il: venerdì 4 aprile 2008, 21:19
Località: ORIA

Re: Schiaffo all'Italia, Vieira restituisce la Coppa del Mondo

Messaggio da job1983 »

Pier D. ha scritto:
Gabriele ha scritto:qual è la traduzione in italiano del termine dialettale BRUSCHONI??!!
:D :D :D :D :D
ROSICONI
La forza non deriva dalle capacità fisiche, ma da una volontà indomita (Mohandas Karamchand Gandhi)

Rispondi

Torna a “Calcio, calcio e solo calcio”