I commercianti di Oria contro il presidente della Pro Loco

Discussioni su ciò che accade nella nostra città

Moderatore: Aristotele

Rispondi
Avatar utente
Gabriele
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 4220
Iscritto il: mercoledì 9 aprile 2008, 13:38
Località: Oria-Lecce
Contatta:

I commercianti di Oria contro il presidente della Pro Loco

Messaggio da Gabriele »

In questi ultimi giorni è scoppiata la polemica da parte dei commercianti e degli imprenditori per le parole espresse dal presidente della Pro Loco Emilio Pinto nell' intervista rilasciata al periodico "il Brindisino"

Spezzone dell'intervista in questione:

Cosa manca per vivere di turismo?
"Bisogna investire di più in cultura e turismo: questa è 'la vocazione della città e va fatta conoscere. Investire, investire, investire! Non abbiamo altro: il commercio è quello che è,infatti per comprare ciò che ci serve andiamo a Francavilla. Industrie non ne abbiamo, l'agricoltura è povera".

L'intera intervista è disponibile su http://issuu.com/ilbrindisino/docs/ilbr ... e=magazine

Replica dei commercianti e degli imprenditori aderenti a Confartigianato
Egr. Presidente Sig. Emilio Pinto,
apprendiamo con enorme rammarico dalla lettura dell’intervista da Lei rilasciata e pubblicata sull’ultimo numero de “Il Brindisino” della negativa opinione che ha del suo paese e della scarsa considerazione per i suoi concittadini imprenditori.
Visto che Lei lo shopping è abituato a farlo nella vicina Francavilla Fontana, con tanto di rispetto per i colleghi francavillesi, come ci ha fatto credere nella lettura dell’articolo, allora ci domandiamo, a gran voce: -- “come mai i collaboratori del Presidente dott. Emilio Pinto, vuoi per la Pro Loco, nell’occasione del Torneo, vuoi per il G.P.U. nell’occasione della Passione si ricordano delle aziende oritane e dei commercianti del posto per richiedere i contributi per la promozione delle due uniche manifestazioni conosciute dal “Nostro” Presidente?”, ed inoltre: -- “ visto che le Pro Loco, e per esse il Presidente, sono gli organismi deputati a promuovere il turismo ed il territorio in senso lato, soprattutto nei piccoli comuni come il nostro, occupandosi anche della valorizzazione dei prodotti tipici dell'enogastronomia e dell'artigianato locale, delle tradizioni popolari, e della tutela e salvaguardia dei patrimoni storico-artistici, architettonici, culturali e ambientali, come può il “Nostro Presidente” denigrare tutto ciò che di buono esiste nel nostro paese e ricordarsi sole delle due manifestazioni che gli stanno più a cuore?”. Un Presidente che non conosce il suo territorio non può certo rappresentarlo, ne tanto meno promuoverlo.
Se Oria dovesse fare affidamento alla Pro Loco di oggi per la promozione e valorizzazione del territorio, di quei pochi turisti che si è cercato di sedurre non ne sarebbe rimasta nemmeno l’ombra, per fortuna, caro “Presidente” gli oritani non si danno per vinti e negli anni sono riusciti da soli a promuovere il turismo, investendo in strutture extra-alberghiere, nella ristorazione, mettendosi insieme, associandosi, cercando di creare delle alternative alla carenza delle azioni della Pro Loco, ma forse il messaggio non è stato recepito.
Caro Presidente, continui pure ad acquistare nella vicina Francavilla, ma si ricordi che i nostri negozi, le nostre attività commerciali e artigianali vanno avanti comunque, nonostante la crisi e le ipocrisie di quelli come Lei che non sono all’altezza del ruolo che ricoprono. Un consiglio, faccia ammenda delle sue pecche, sicuramente potrà riparare ed il modo lo conosce, valuti dunque la possibilità di dimettersi da un incarico il cui unico scopo è valorizzare le potenzialità non solo turistiche ma anche economiche della città.

Oria, 25/01/2010

REPLICA del Presidente della Pro Loco Emilio Pinto
Preg.mo Presidente Confartigianato - Sez. di Oria
Preg.mi Commercianti ed Imprenditori aderenti a Confartigianato Sez. di Oria
al Sig. Sindaco, Assessori e Consiglieri del Comune di Oria;
ai Sigg. Responsabili dei Siti Internet di Oria;
al Dott. Vincenzo Sparviero Gazzetta del Mezzogiorno;
a Francesca D’Abramo - Il Quotidiano;
Spett/le Redazione “Il Brindisino

Preg.mi Sigg.ri in indirizzo,
ho letto con molta attenzione la lettera del 25/01/2010 a firma del gruppo di Commercianti ed Imprenditori oritani aderenti a Confartigianato e devo smentire quello che è stato asserito nella Vs. pregiata lettera, in quanto il sottoscritto ha sempre lavorato per promuovere la propria Città in ogni modo e circostanza e, prova ne è il mio continuo impegno nelle attività sociali, culturali, turistiche e di promozione della Città.

Voglio precisare che il sottoscritto ha privilegiato e continua a privilegiare tutto ciò che la nostra Città offre in quanto sono fortemente convinto che noi oritani dobbiamo essere i primi sostenitori delle nostre aziende e del nostro patrimonio promuovendo il “mady in Oria”.
L’intervista è stata fatta telefonicamente in maniera fugace, trovandomi in quel momento a Schwab-Gmund (Germania) con altri amici per promuovere la ns. Città e credo, non abbia esplicitato quello che il sottoscritto voleva dire e vengo a chiarire l’equivoco.
Il sottoscritto intendeva dire che noi oritani preferiamo molto spesso recarci ad acquistare fuori dalla nostra Città invece di sostenere la nostra economia, anche, se talvolta per alcuni tipi di servizi e/o prodotti non essendoci sul posto, l’oritano è costretto a recarsi fuori.
Non è mia abitudine fare lo shopping a Francavilla nè tantomeno in altre Città, ho privilegiato sempre le forniture e tutto ciò che può offrirmi questa Città.
Bisogna riconoscere che molto è stato fatto in questi ultimi anni in vari settori, tra i quali cito il settore del turismo e dell’accoglienza come la ristorazione e la creazione di case-vacanza e di questo ne sono certo riconoscente verso quelle persone che hanno voluto investire in tale settore.
Credo che il territorio, il sottoscritto lo conosca abbastanza bene per gli interventi e le iniziative che nel corso degli anni sono state da me promosse per valorizzare sotto tutti i punti di vista la propria Città.
Non mi sono mai permesso di denigrare nessuno, non rientra nel mio costume, anzi ho ammirato e rispettato tutte quelle persone che operano nei diversi settori che mirano alla crescita della ns. Città, anche se il tono della Vs. lettera è ingiustificatamente offensivo e denigratorio.
Queste persone meritano la nostra attenzione e considerazione valorizzandole nei vari settori di loro competenza, utilizzando al meglio la loro professionalità senza falsità e “fumo negli occhi”.
Credo di essere una delle persone che opera per la crescita della Città senza nessun tornaconto personale nè tanto meno economico.
Mi permetto di specificare che il sottoscritto ha una visione ampia della realtà oritana e la citazione delle iniziative del Torneo e della Passione sono state fatte poiché si parlava soltanto delle iniziative che contribuiscono, insieme ad altre, a promuovere il settore del turismo e non si è parlato di quelle iniziative a carattere economico.
Chiaramente dobbiamo distinguere tra le rappresentazioni storico-culturali-turistiche che promuovono uno specifico settore, le iniziative eno-gastronomiche ed artigianali che promuovono un altro settore e le iniziative che tendono alla promozione e salvaguardia del patrimonio dei beni culturali.
Tutti noi che operiamo nei diversi settori innanzi citati, siamo chiamati a fare sintesi di queste iniziative che devono mirare alla promozione della Città nei vari settori.
Voglio ricordare che la Pro Loco,che mi onoro di rappresentare, ha sempre lavorato per la promozione turistica della Città mettendo a disposizione gli scarsi mezzi di cui dispone essendo soprattutto una associazione che è nata con uno scopo ben specifico, forse anche altre associazioni sono deputate a promuovere su larga scala tutte le peculiarità di cui dispone la Città.
Ricordo che in occasione dell’organizzazione del Torneo tutte le forniture, le prestazioni d’opera, eccetto quelle strettamente professionali e specifiche, sono fornite in loco privilegiando sempre prima l’economia del paese.
La Pro Loco non è un ente che ha risorse economiche da poter investire nel fabbisogno della Città ma al contrario con le esigue risorse economiche a disposizione, deve garantire con enormi sacrifici e impegno la realizzazione annua del Torneo vanto di tutti gli oritani e grazie proprio al Torneo diamo un contributo importante all’economia della Città.
Ritengo, infine, che il sottoscritto e il Consiglio di Amministrazione per quanto nelle sue possibilità, ha dimostrato in questi anni di guida dell’Ass. Tur. Pro Loco, di aver profuso il massimo impegno per promuovere sempre più la manifestazione del Torneo dei Rioni ed altre iniziative affinchè il loro successo portasse anche un beneficio nel tessuto socio-economico-culturale-turistico della Città.
Sarebbe opportuno che Lei, conoscendo da poco la realtà turistica oritana, si informasse sull’impegno che i miei collaboratori, a cui rivolgo la mia gratitudine e riconoscenza,hanno profuso in tanti anni con concreti risultati che hanno consentito la crescita culturale, sociale ed economica i cui benefici ne usufruiscono, anche, i suoi associati e i suoi collaboratori più stretti.
Ricordo che l’Ass. Tur. Pro Loco è aperta a qualsiasi contributo costruttivo e di sincera collaborazione poiché il nostro scopo è quello di favorire lo sviluppo e la crescita della Città.
Forse le considerazioni fatte non andavano indirizzate al sottoscritto, poiché ritengo di aver dimostrato che parte della mia vita viene impegnata per la promozione e l’amore che nutro per la Città.
Si rimane a disposizione per avere un incontro in qualsiasi sede, se lo si ritiene opportuno, per chiarire ogni qualsivoglia equivoco ed avere un confronto leale ed onesto sui vari aspetti promozionali della nostra Città.
Al fine di inviare tale missiva, anche, al gruppo di commercianti ed imprenditori, si chiede l’elenco dei nomi con il relativo indirizzo di coloro che hanno aderito a questa lettera.
Distinti saluti.
[MilitesFridericiII.it] - Compagnia d'Arme Milites Friderici II rievocazioni e spettacoli medievali
Solo una squadra c'è....grande la JUVE alè!!!

Avatar utente
ANTO
Utente Verificato
Messaggi: 219
Iscritto il: lunedì 28 aprile 2008, 1:02
Località: bologna-oria

Re: I commercianti di Oria contro il presidente della Pro Loco

Messaggio da ANTO »

bisogna andare in una sperduta cittadina del sud della germania per promuovere Oria, quando ciò che offre la città non la conosce neanche tutto il salento?
Oria maca su molte guide turistiche della Puglia e del salento, le manifestazioni oritane ad eccezione del corteo-torneo dei rioni (sottolineo rioni non a caso) non sono sconosciuti neanche nei paesi limitrofi.
Basta farsi viaggi in luoghi lontanissimi per catturare due turisti da portare al torneo, cerchi di valutare la città promovendo Oria su qualsiasi guida del turismo salentino; un consiglio: invece di far ridere i turisti mettendo cammelli, struzzi, odalische e attori di secondo piano che non sanno quello che devono fare in un corteo apparentemente medievale cerchi di promuovere manifestazioni per turisti giovani quali ad esempio festival cinematografici (san vito dei normanni con il salento infinibs terrae ne fà da maestra), concerti (non di artisti anni 70 ma attuali,come si fà a ostuni e mesagne); il turismo nel salento è fatto prevalentamente da giovani e famiglie italiane non da tedeschi in cerca del castello di federico secondo non visitabile.
basta davvero, oria diventa ogni anno sempre peggio.
ps: una domanda, ma i bilanci economici della pro loco sono pubblici????
bisogna vivere come si pensa per non pensare a come si è vissuto

Avatar utente
Gabriele
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 4220
Iscritto il: mercoledì 9 aprile 2008, 13:38
Località: Oria-Lecce
Contatta:

Re: I commercianti di Oria contro il presidente della Pro Loco

Messaggio da Gabriele »

come associato della pro loco affermo che i bilanci sono a disposizione di tutti i soci e vengono annualmente redatti e letti durante le assemblee!
al di la della pro loco il primo ad investire anche economicamente sul turismo deve essere il comune ma viste le ristrettezze degli ultimi periodi sarà un pò difficile, cosi ci si basa su privati e sponsor (vedi notte bianca di dicembre)
[MilitesFridericiII.it] - Compagnia d'Arme Milites Friderici II rievocazioni e spettacoli medievali
Solo una squadra c'è....grande la JUVE alè!!!

Avatar utente
ANTO
Utente Verificato
Messaggi: 219
Iscritto il: lunedì 28 aprile 2008, 1:02
Località: bologna-oria

Re: I commercianti di Oria contro il presidente della Pro Loco

Messaggio da ANTO »

ma questi bilanci sono in positivo? e se lo sono come vengono investiti? in cammelli e attori che impersonano federico secondo???
sono d'accordissimo con te nel non dare tutte le colpe alla pro loco...ogni anno si fanno sforzi immensi...ma sono così necessari i viaggi in germania così come i cammelli e gli struzzi??? credo che manchi una vera politica giovanile sopratutto a livello amministrativo, esiste un assessorato destinato a tale scopo??? per fortuna che ad Oria esistono alcune piccole realtà nate dallo sforzo dei singoli e dicendo questo penso all'oratorio sing, alle associazioni sportive di calcio e pallavolo, ai rioni e alle associazioni culturali quali laboratoria (un eccezione per ciò che riguarda la cultura non convenzionale).
bisogna vivere come si pensa per non pensare a come si è vissuto

Avatar utente
Gabriele
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 4220
Iscritto il: mercoledì 9 aprile 2008, 13:38
Località: Oria-Lecce
Contatta:

Re: I commercianti di Oria contro il presidente della Pro Loco

Messaggio da Gabriele »

condivido come te alcune cose riguardo l impiego negli ultimi anni di animali alquanto costosi e abbastanza inutili!
negli ultimi 2 anni sono stato in germania in particolare nella cittadina di lorch circa 3 volte e nessuna delle 3 era "sponsorizzata" dalla pro loco ma da altre associazioni come "gli amici del gemellaggio", "la passione di oria" e "la compagnia d'arme milites friderici II".
E' vero ad Oria manca una politica giovanile o meglio mancano i giovani che vanno a sostituire i cosiddetti vecchi soprattutto nella politica e penso che il motivo sia il fatto che i giovani universitari una volta laureati trovano difficoltà ad avere un lavoro che li mantenga nel posto d origine! ma dobbiamo anche precisare: i "vecchi" vogliono ringiovanire la politica o vogliono fare solo del turnover? detto questo cerchiamo di non uscire dall'argomento principale
[MilitesFridericiII.it] - Compagnia d'Arme Milites Friderici II rievocazioni e spettacoli medievali
Solo una squadra c'è....grande la JUVE alè!!!

Rispondi

Torna a “Oria - Notizie”